Il panorama mozzafiato dal Monte Freidour

Il Monte Freidour è una cima delle Alpi Cozie a quota 1451 m con una vista spettacolare sul Monviso e su tutto il Pinerolese.

Come raggiungerla?

Ci sono diversi percorsi. Io ho intrapreso il sentiero che parte dalla Borgata Dairin nel Comune di San Pietro Val Lemina in Provincia di Torino (scrivete sul navigatore Borgata Dairin – San Pietro Val Lemina).

Per l’imbocco del sentiero occorre raggiungere con l’auto la Borgata Dairin. Sono presenti due parcheggi: uno più grande in uno slargo in curva poco prima del bivio per la borgata e il secondo più piccolo poco prima del paese. Io ho parcheggiato in quello più grande e proseguito a piedi sulla strada asfaltata. Mi raccomando al bivio girate a destra per la Borgata Dairin e non fate come me che ho sbagliato andando a sinistra.

NOTE TECNICHE
Luogo e Altitudine di partenza: Borgata Dairin (1070 m)
Luogo e Altitudine massima: Monte Freidour (1451 m)
Dislivello: 400 m
Lunghezza: 5,6 km
Segnavia n. 049 (bianco-rosso)
Durata: 1 h 30 (solo andata)
Difficoltà: E (escursionistico)
Cani: Si (per cani allenati)
Data escursione: Gennaio 2022

Arrivati alla borgata Dairin intraprendere il sentiero con segnavia bianco e rosso che porta al Colle Ciardonet, dove è presente un’area dedicata al picnic. Si può arrivare al Colle anche attraversando la borgata e proseguendo dritto per il sentiero sterrato.

Raggiunto il Colle Ciardonet, occorre seguire le indicazioni per il Colle Sperina e il Monte Freidour (Segnavia 049), tralasciando quindi la strada sterrata che porta al Rifugio Melano.

Il sentiero si inerpica all’interno del bosco, chiamato “bosco dell’impero” per via di un rimboschimento realizzato al tempo del fascismo.

L’ambiente naturale è caratterizzato da torrioni granitici e da alcune ripide ed imponenti pareti di roccia (in prevalenza, gneiss). La più conosciuta è la Rocca Sbarüa (dal piemontese “rocca che spaventa”), una palestra di roccia molto frequentata dagli alpinisti piemontesi.

Il sentiero è semplice, ma in salita costante. In questo periodo, sono presenti molte foglie a terra, che comportano il rischio di scivolare. Quindi portatevi i bastoncini da trekking se li avete.

E’ comunque un bellissimo sentiero, che regala scorci unici. Vi fermerete più volte a scattare foto ricordo!!

Sulla cima del Monte Freidour è presente un monumento in memoria dei caduti durante la seconda guerra mondiale a seguito di un incidente aereo il l 13 ottobre 1944, quando un Liberator HK 239 della R.A.F., di ritorno da un’operazione di rifornimento di aiuti ai partigiani si schiantava contro la parete del monte, causando la morte di 8 aviatori inglesi.

La cima è una distesa erbosa molto soleggiata. Quindi anche in inverno potrete rilassarvi al sole e campeggiare sull’erba.

Ti è piaciuta questa escursione al Monte Freidour?

Se si metti un mi piace e seguimi anche su  instagram e facebook per rimanere aggiornato su nuove escursioni!

Pubblicato da girulìgirulà

Blog di escursioni e viaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: