Alla scoperta delle dolomiti della Valle Stretta con destinazione Lago Lavoir

La Valle Stretta è una valle franco-italiana delle Alpi Occidentali a due passi da Bardonecchia in Provincia di Torino. Dal 1947 è infatti diventata territorio francese, essendo stata accorpata al Comune di Névache.

La Valle Stretta è una vera e propria valle incantata ricca di laghi, boschi, alpeggi, distese di prati e maestose montagne che per la loro conformazione vengono chiamate le “dolomiti della Valle Stretta”, prima fra tutte il Monte Thabor.

La Valle Stretta è una meta ideale per passare una giornata a contatto con la natura. In questa zona sono diverse le escursioni e le passeggiate che si possono intraprendere. Una di queste conduce al Lago Lavoir e oggi voglio portarvi proprio lì.

L’escursione per raggiungere il Lago Lavoir è abbastanza impegnativa. C’è da dire però che i panorami mozzafiato che vedrete vi ricompenseranno della fatica fatta.

Purtroppo il Lago Lavoir non è mai segnalato sui cartelli lungo il tragitto se non nella parte finale. Quindi occorre fare attenzione. La prima parte del sentiero è in comune con quella del Lago Verde e dunque occorre seguire le indicazioni per il Lago Verde e non sbaglierete.

NOTE TECNICHE
Altitudine di partenza: 1760 m
Altitudine di arrivo: 2281 m
Segnavia: Lago Lavoir non segnalato!!
Durata: 2.30-3 h (solo andata)
Dislivello: 570 m
Distanza: 13 km
Difficoltà E (livello escursionistico)
Cani: Si
Data escursione: 04/06/2022

Raggiungete con l’auto il parcheggio in prossimità delle Granges de la Vallée Etroite, (coordinate per navigatore), oltrepassate il rifugio Re Magi e proseguite lungo la stradina sterrata seguendo le indicazioni per il Lago Verde.

Al bivio per il Lago Verde (troverete un cartello in legno con su scritto “benvenuti al Lago Verde”), prendete la strada sterrata a sinistra sino ad arrivare al Piano della Fonderia.

Il Pian o Ponte della Fonderia, nome derivato dall’antica miniera di ferro Blanchet, ora abbandonata, offre una bella vista sulla cascata del ruscello formato dal Lavoir e dagli altri laghetti del pianoro sovrastante.

Dal Piano delle Fonderia continuate sulla strada sterrata a sinistra che sale e arriverete dopo una serie di tornanti alla Maison des Chamois (2065 m.), una colonia della Diocesi di Nichelino che in origine era utilizzata dagli minatori della vicina miniera di ferro.

Proseguite sul sentiero e oltrepassate la Maison. Dopo la ripida salita noterete sulla destra una Madonnina e una croce in legno.

Arrivati ad un ponticello di legno (Ponte delle Planche 2204 m.), tenete la sinistra per costeggiare così il torrente che vi porterà in circa mezz’ora nella conca Lavoir.

Arrivati al Lago Lavoir, ciò che colpisce non è il lago di per sè, ma il paesaggio da cartolina che lo circonda.

Il Lago infatti è collocato in una conca circondata da imponenti montagne e distese di prati verdi e fiori. Uno spettacolo per gli occhi!!

Al rientro seguite il medesimo percorso.

Invece che passare dal fiume, potete intraprendere una piccola scorciatoia che vi farà arrivare in poco tempo proprio sopra alla Maison des Chamois.

La luce pomeridiana al rientro renderà i panorami ancora più meravigliosi.

Ti è piaciuta questa escursione?

Se si metti un mi piace se vuoi conoscerne di altre seguimi anche su instagram e facebook!

Se ti piacciono le escursioni con destinazione Lago non puoi perderti queste!

Pubblicità

Pubblicato da girulìgirulà

Blog di escursioni e viaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: